Scrivimi:

Scrivimi:

Facebook

martedì 19 settembre 2017

Spaghetti con salsiccia, cipolla e zafferano







Questa è una pasta dal sapore robusto e, al tempo stesso, avvolgente e goloso. 
Tempo fa ho mangiato un piatto simile in una trattoria, un posto senza pretese ma pulito, con una cucina che sa di casa e di famiglia... Mi è piaciuto tanto e quindi ho provato a replicarlo a memoria: devo dire però che la mia è risultata ancora più buona (ih, ih, ih!!!). 
La famiglia ha gradito, eccome!!! Anche la nonna Maria ha spazzolato il suo piatto senza farsi tanto pregare, non prima di aver detto: "Poca  poca, per carità, lo sai che sono delicata...". Certo... come no!!
Vi consiglio caldamente di provarla: è davvero succulenta e basta, da sola, a rappresentare una cena, magari vicino ad un bel bicchiere di vino bianco... Andiamo a prepararla insieme?


Ingredienti (per 4 persone)

-4 hg di spaghetti
-2,5 hg di salsiccia
-1 grossa cipolla bionda
-4/5 cucchiai di olio d'oliva
-4 cucchiai di panna da cucina
-40 grammi di parmigiano
-1 bustina di zafferano
-1/2 bicchiere di vino bianco (secco, ovviamente)
-1/2 bicchiere di brodo vegetale
-sale
-pepe nero
-alcuni aghi di rosmarino


Cottura: 15 minuti per il sugo + il tempo di cottura della pasta

Difficoltà: bassa

Costo: basso




Preparazione: spellare e tritare la cipolla, metterla in una grande padella con l'olio e la salsiccia spellata e tritata, salare, pepare e fare cuocere il tutto su fiamma moderata; sfumare con il vino bianco.
Aggiungere quindi lo zafferano precedentemente fatto sciogliere in mezzo bicchiere di brodo vegetale caldo o, in mancanza di quest'ultimo, acqua calda, versare nel sugo e proseguire la cottura per altri cinque minuti: da ultimo inserire la panna, mescolare bene e spegnere il fuoco.
Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolare leggermente al dente e versare direttamente nella padella del sugo: rigirare bene la pasta e spolverarla di parmigiano.
I nostri spaghetti sono pronti... 



Correte a prepararli che sono BUONISSIMI... Parola di Chicchina! Alla prossima!


venerdì 15 settembre 2017

Cannoncini con crema pasticcera al cioccolato bianco e arancia







Volevo fare dei cannoncini un po' speciali. Era un po' che l'idea mi frullava per la testa, ma c'era un problema non da poco: non trovavo gli stampi metallici su cui arrotolare la pasta sfoglia per realizzarli... Cerca di qui e cerca di là, alle fine ho deciso di ingaggiare il maritino che alla mia richiesta mi ha guardato smarrito e mi ha detto: " Come faccio a farti gli stampi che vuoi tu?! Fai una torta di mele va, che è buona lo stesso!!!". Ma anche no!!! Dopo aver fatto un giro nel web dove ho trovato diversi tutorial  ho deciso di realizzarli da sola e, devo dire, il risultato è stato perfetto: è bastata della carta alluminio e un po' di fiducia...
Di seguito vi spiegherò come si preparano.
Per farcirli poi ho pensato a una crema un po' speciale: una crema pasticcera al cioccolato bianco e profumata con la buccia d'arancia.
Se volete vi "racconto" la mia ricetta e di come il maritino si è leccato i baffi...

Ingredienti:

Per i cannoncini:

-1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare del banco frigo
-1 tuorlo d'uovo
-zucchero semolato q.b.


Per la crema pasticcera al cioccolato bianco:

-200 ml di latte
-2 hg di cioccolato bianco
-40 grammi di farina
-1 cucchiaio scarso di zucchero
-la scorza grattuggiata di mezza arancia biologica

Cottura: 12/15 minuti in forno preriscaldato per i cannoncini + 7/8 minuti per la crema pasticcera

Difficoltà. media

Costo: basso




Preparazione: per prima cosa prepariamo gli stampini ritagliando dei rettangoli di carta alluminio  che abbiano la base di circa trenta centimetri, pieghiamo ogni foglio tre volte partendo appunto dalla base, arrotoliamo la striscia così ottenuta e otterremo dei cilindri alti più o meno dieci centimetri...Ecco pronti gli stampini (😊).



 
Srotoliamo la pasta sfoglia e ritagliamo nel lato più corto tante striscioline alte circa un centimetro e mezzo.




Arrotoliamo quindi le striscioline sui cilindri di carta alluminio precedentemente preparati sovrapponendole leggermente.
In una ciotolina sbattere leggermente il tuorlo d'uovo e spennellare i cannoncini sulla parte superiore, spolverare con lo zucchero semolato ed infornare in forno preriscaldato per il tempo indicato, tenendo conto che ogni forno è una storia a sè e che i cannoncini devono risultare ben dorati in superficie.
A cottura sfornare.




Aspettare qualche minuto ed eliminare i cilindri metallici tenendo con la mano chiusa a pugno il cannoncino e con l'altra mano estrarre il cilindro.




Ora occupiamoci della crema pasticcera: scaldare il latte e nel frattempo lavorare i due tuorli con lo zucchero, la farina e la scorza d'arancia grattuggiata sino a renderli gonfi e morbidi.
Aggiungere il latte al composto d'uovo continuando a mescolare sino ad ottenere una crema omogenea, rimettere sul fuoco ed aggiungere il cioccolato grattuggiato.
Lavorare vigorosamente perchè il cioccolato si sciolga completamente e cuocere fino a che la crema risulta della giusta densità: quindi toglierla dal fuoco, metterla in una ciotola e coprirla con la pellicola a contatto per evitare la formazione della pellicina.
Fare raffreddare completamente in frigorifero.
Per farcire i cannoncini usare la sac à poche riempita con la crema pasticcera... Et voil.A presto, un abbraccio, Cristina!





martedì 12 settembre 2017

Tagliatelle tre P






Questo primo, delicato e buonissimo, lo andavo a mangiare con il mio "moroso" (attuale marito) da ragazzina (quando c'erano i soldi, s'intende!).
Lo preparavano in una pizzeria tutt'altro che chic, ma dove ogni pietanza aveva un sapore particolare... Ora non c'è più, ma il ricordo di questo primo e di altri piatti succolenti è sempre vivo nella mia mente.
Si tratta di un piatto relativamente semplice, io lo chiamo delle tre P perchè il sugo è a base di panna, prosciutto e pomodoro: l'ho cucinato a memoria, con qualche piccola variazione.
In famiglia piace a tutti, anche per il valore affettivo che porta con sè: quando lo mangio mi rivedo ragazzina felice e piena di speranze, seduta ad un tavolo un po' sgangherato, ubriacare di chiacchere un bel ragazzo moro e ossuto, ignaro (poverello) del fatto che avrebbe dovuto sopportarmi per tanti e tanti anni...
Venite in cucina che in poche mosse vi mostro come si prepara...

Ingredienti per 4 persone (mangione):

-5 hg di tagliatelle secche
-1,2 hg di prosciutto in una sola fetta
-4 hg di polpa di pomodoro o pomodori maturi privati della pelle
-125 ml di panna da cucina
-1 spicchio d'aglio
-50 grammi di parmigiano
-sale
-pepe nero
-origano
-basilico
-4 cucchiai di olio d'oliva

Cottura: 10/12 minuti per il sugo + il tempo di cottura indicato per la pasta

Difficoltà: bassa

Costo: basso




Preparazione: mettere in un largo tegame l'olio e l'aglio, farlo imbiondire ed eliminarlo (o, se si vuole un sapore più accentuato, toglierlo solo prima di condire la pasta).
Aggiungere il prosciutto spezzettato e farlo insaporire due/tre minuti.
Inserire la polpa di pomodoro, salare, pepare e spolverare con l'origano: lasciare dunque cuocere qualche minuto e versare la panna.
Terminare la preparazione del sugo ed aggiungere qualche foglia di basilico fresco.
Portare a bollore una grande pentola con acqua salata, gettarvi le tagliatelle e scolarle al dente: versarle direttamente nel tegame del sugo, rigirarle bene per distribuire il condimento e terminare con il parmigiano grattuggiato.




Il nostro piatto è pronto, buon appetito e a presto... Io vi aspetto sempre qui!

giovedì 7 settembre 2017

Sfogliata pere, gongorzola e Philadelphia







Questa è una sfogliata super veloce e super buona... Mi sembrano caratteristiche importanti, cosa ne dite?! 
Ci vogliono davvero pochi minuti per realizzarla e pochi ingredienti in dispensa: pere succose, gongorzola dolce, Philadelphia e un rotolo di pasta sfoglia del banco frigo.
Il formaggio con le pere ci sta che è una meraviglia e, a parer mio, gongorzola e pere è il top! 
Quindi non ci sono scuse, tutti in cucina a preparare questa delizia...


Ingredienti per uno stampo di centimetri 24x24:

-1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
-2 hg di gongorzola dolce e cremoso 😋 (tirato fuori dal frigorifero in modo che si ammorbidisca)
-1 hg di Philadelphia
-1 pera dolce e succosa o due piccole (io Williams)
-alcuni aghi di rosmarino
-pepe nero macinato al momento
-poco sale

Cottura: 25 minuti in forno preriscaldato a 180°

Difficoltà: bassa

Costo: basso




Preparazione: srotolare la pasta sfoglia, adagiarla nello stampo senza eliminare la carta che lo avvolge, tagliare la pasta sfoglia in eccesso ed usarla per "rinforzare" i bordi della nostra sfogliata (caspiterina, che termini tecnici!!).
Prendere il gongorzola e distribuirlo a fiochetti sulla  base di sfoglia: fare lo stesso con il Philadelphia.




Lavare molto bene la pera e tagliarla a fettine senza eliminare la buccia: disporre le fettine come da fotografia, spolverare di pepe nero macinato al momento, poco sale e qualche ago di rosmarino.




 Infornare dunque questa delizia in forno preriscaldato a 180°. 




Mangiare calda o tiepida... Ora vi lascio, bacioni! Cristina.



lunedì 4 settembre 2017

Biscottini di Natale (e non solo): Kipferl





I Kipferl sono biscottini austriaci tradizionalmente consumati nelle feste di Natale,ma sono così buoni che se si inizia a farli.....sarà Natale tutto l'anno!


Ingredienti:
-2,5 hg di farina 
-1.5 hg di burro morbido
-1 hg di zucchero
-1 hg di mandorle 
-1 bustina di vanillina
-1 uovo
-poca buccia gratuggiata di limone
-sale.

Tempo di cottura:10/15 minuti a 180°

Difficoltà:bassa

Costo:basso.




Preparazione:mettere in una terrina la farina con lo zucchero,le mandorle tritate,il burro morbido,la vanillina,il sale e l'uovo;è importante lavorare velocemente l'impasto perchè altrimenti "brucerebbe".
Formare con la pasta una palla, avvolgerla nella pellicola e riporre in frigo per 1 ora.
Passato questo tempo, con l'impasto formare dei rotolini  lunghi circa 10 centimetri e larghi  un dito (non un dito del gigante formaggino) e curvarli formando un piccolo ferro di cavallo.




Infornare in forno preriscaldato a 180° e cuocere 10/15 minuti (osservandoli, perchè si devono appena dorare).  


 

  Una volta sfornati, farli raffreddare e cospargerli con zucchero a velo...sono una bontà, a presto, vi aspetto sempre qui, Cristina/Chicchina